mercoledì 17 ottobre 2018
redazione@avellinofans.it
La denuncia di un tifoso: "Trattato come un delinquente a 88 anni"
* *Uno spiacevole episodio ha visto come protagonista il signor Carmine Cucciniello, 88 primavere e tifoso dell'Avellino dagli anni quaranta. "Mio padre di 88 anni e mio nipote trattati come delinquenti all'ingresso dello stadio", è iniziato così il post su Facebook scritto da Alfredo Cucciniello adirato per il trattamento riservato al padre lunedì sera in occasione del match contro il Perugia. "Quest’uomo ha 88 anni e oltre 70 abbonamenti alle partite dell’Avellino che ha seguito nel '48, negli anni del derby con l’Atripalda, negli anni della serie C, in B e in A. E poi di nuovo in serie D e in C e in B. Da qualche altra parte lo porterebbero in carrozza o a spalla in tribuna e gratis. Ad Avellino in uno stadio semivuoto, dove forse sono più quelli che non pagano, a questo tifoso viene impedito di vedere il primo quarto d’ora della partita col Perugia. E sapete perché? Perché con lui c’era mio nipote che lo accompagnava col biglietto e secondo un solerte funzionario di Polizia non si potevano fare eccezioni. Quelli col biglietto da una parte e gli abbonati da un altro ingresso. Poi fermi come due delinquenti a subire un interrogatorio degno di altri contesti. Perché volete entrare insieme? Perché lo accompagni? Non lo vedo in difficoltà tale da essere accompagnato. Chi mi dice che sei il nipote? E così via per oltre un quarto d’ora chiedendo i documenti ed evitando di dire il suo benché richiesto".

L'atteggiamento delle forze dell'Ordine non è piaciuto affatto, ecco le richieste di Alfredo Cucciniello a nome di suo padre: "Prima della partita col Frosinone esigiamo le scuse da parte di questo signore. E se non le avremo risaliremo alla sua identità per denunciarlo per abuso di potere. Per la partita vogliamo una o più persone che aiutino mio padre a salire le scale. In una realtà diversa qualcuno chiederebbe scusa a mio padre e lo inviterebbe ad entrare con l’abbonamento di Curva in Tribuna Montevergine di fianco ai massimi dirigenti. Ma a noi bastano le scuse. Mio nipote il biglietto per la prossima gara non lo farà e comunque non vogliamo chiedere favori ad altri abbonati. Ma poi, come è possibile che nello stesso tornello passa un ragazzo con l’abbonamento di una donna e si fanno le tarantelle per un uomo di 88 anni con abbonamento e per il suo accompagnatore comunque pagante? Andate dove serve, dove c’è bisogno e smettetela di fare i forti coi deboli e i codardi coi prepotenti. Papà sei rimasto di serie A".

Nel frattempo lo Slo dell'U.S. Avellino, Giuseppe Pontillo, si è scusato per l'episodio sgradevole mostrando la sua vicinanza alla famiglia Cucciniello.
(mercoledì 11 aprile 2018 alle 11:36)
Avellino calcio Risultati Classifica Tifo Fotogallery Videogallery

Mail: redazione@avellinofans.it info@avellinofans.it
Il materiale pubblicato, pur essendo di dominio pubblico, non può in nessun modo essere utilizzato.
La copia o riproduzione di testi e foto senza il consenso scritto della redazione di AvellinoFans.it è vietata!